La cambiale di matrimonio per il Non compleanno di Rossini

26 Febbraio 2019
cambiale280219

Il Rossini Opera Festival propone per la prima volta una produzione in forma scenica al di fuori del consueto programma estivo, nell’ambito del progetto Festival Giovane: venerdì 1° marzo alle 21 al Teatro Rossini di Pesaro, nel cartellone della Settimana dei festeggiamenti del Non compleanno di Rossini, il Festival metterà in scena La cambiale di matrimonio, realizzata in collaborazione con Conservatorio statale di musica G. Rossini di Pesaro, Accademia di Belle Arti di Urbino, Fondazione Rossini, Regione Marche, Comune di Pesaro, AMAT, Registro storico Benelli, Fiam e coprodotta con il Teatro Lirico di Cagliari, ove sarà proposta in 14 date dal prossimo 3 maggio.

La messinscena è stata ideata dalla Scuola di Scenografia dell’Accademia urbinate, con la regia di Francesco Calcagnini e Davide Riboli, le luci di Emiliano Pascucci e la collaborazione ai costumi di Paola Mariani. Alessandro Bonato dirigerà l’Orchestra del Conservatorio Rossini e una giovane compagnia di canto composta da Nicolò Donini (Tobia Mill), Claudia Muschio (Fanny), Anatolii Pogrebnyi (Edoardo Milfort), Carles Pachón (Slook), ex-allievi dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, e dagli allievi del Conservatorio Rossini Sergei Morozov (Norton) e Mariangela Marini (Clarina).

Composta da Rossini per il Teatro San Moisé di Venezia, La cambiale di matrimonio è una farsa comica in un atto su libretto di Gaetano Rossi ed è stata la prima opera messa in scena del compositore pesarese, il 3 novembre 1810.

La trama, semplice eppure non banale, affronta tematiche sociali di grande interesse: la sudditanza della donna, privata di libertà decisionale anche nei suoi affetti più intimi; l’alterità dello straniero, portavoce di una cultura differente, denigrata proprio per la sua diversità.

Fanny ama Edoardo, però è costretta dal padre, il ricco mercante Tobia Mill, a sposare un suo corrispondente in affari, il rozzo avventuriero Slook. Ma sarà tuttavia proprio il presunto straniero incivile a mettere in crisi il diritto della patria potestà per valorizzare il vero affetto dei due giovani, girando a favore di Edoardo la cambiale di matrimonio con cui Tobia voleva cedergli la figlia.

La produzione, specificamente dedicata ad un pubblico giovane e meno abituato a frequentare il teatro d’opera, prevede per giovedì 28 febbraio alle 11 un’anteprima gratuita riservata alle scuole che aderiscono a Crescendo per Rossini, il progetto didattico di avvicinamento alla musica e alla figura di Gioachino Rossini curato dal ROF e rivolto agli Istituti scolastici della Provincia di Pesaro e Urbino.

Info: 0721.387621-20

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a navigare nel sito, ci autorizzi a utilizzare i cookie sul tuo dispositivo.