Vimini: un “modello cultura” antiCovid

27 Febbraio 2021
piazza270221

«La notizia della possibile riapertura dei teatri dal 27 marzo è una grandissima opportunità da cogliere» così il vicesindaco e assessore alla Bellezza Daniele Vimini, presidente del Rossini Opera Festival, sull’annuncio fatto dal Governo nelle scorse ore.

«A Pesaro ne approfitteremo per tornare a lavorare in presenza di pubblico – assicura –, perché in realtà non ci siamo mai fermati esplorando le tante possibilità che il digitale ci offre. Offrendo così la possibilità, innanzitutto ad artisti e maestranze del territorio, di veder riconosciute le loro competenze e professionalità».
«Ci inventeremo formule agili – continua Vimini – e rispettose della sicurezza, anche per contribuire a una grande operazione di ripresa di fiducia del pubblico verso lo spettacolo dal vivo. Inoltre, come già annunciato, lavoriamo per anticipare alla primavera le arene all'aperto, scommettendo su un’estate che vogliamo pensare diffusa, sicura e di rinascita. Una 'estate dell'arte all'aperto' che vada da maggio a ottobre».

La proposta che verrà formalizzata al ministro Franceschini: «Sarebbe bello pensare anche ad un vero e proprio “modello cultura” nel contrasto alla pandemia». L’idea è quella di approfittare della partecipazione a teatro per «offrire test rapidi al pubblico che si presenterà in sala e soprattutto - come i professori e gli insegnanti, per analogia e importanza del ruolo sociale ed educativo - proponiamo la priorità nelle vaccinazioni ad artisti e professionisti del settore che si troveranno ad abitare i palcoscenici».
«Sarebbe una grande occasione per la cultura e lo spettacolo dal vivo di riprendersi la scena e il tempo perduto» conclude Vimini.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a navigare nel sito, ci autorizzi a utilizzare i cookie sul tuo dispositivo.