Comincia il 3 luglio l'Accademia Rossiniana
30 giugno 2017

Prende il via lunedì 3 luglio al Teatro Sperimentale la XXIX edizione dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, da quest’anno intitolata al maestro milanese che l’aveva diretta sin dalla sua fondazione nel 1989. Dopo la sua scomparsa, la direzione è stata assunta da Ernesto Palacio, Direttore artistico del Rossini Opera Festival.

L’Accademia, seminario permanente di studio sui problemi dell’interpretazione belcantistica moderna, propone ad allievi e uditori lezioni di interpretazione vocale, musicologia ed arte scenica, conferenze a tema e master class.

Accanto alle lezioni e alle master class tenute da Ernesto Palacio con il coordinamento musicale di Rubén Sánchez-Vieco, il programma di questa edizione comprende interventi del Sovrintendente del Festival Gianfranco Mariotti, del musicologo e direttore d’orchestra Marco Mencoboni, del regista Pier Luigi Pizzi, dei musicologi Federico Agostinelli e Daniele Carnini, del fisiatra Frank Musarra e del foniatra Franco Fussi. Tornano anche la masterclass tenuta dal tenore Juan Diego Flórez e gli incontri con gli artisti: stavolta toccherà a quelli di Le siège de Corinthe.

Al termine dei corsi, lunedì 17 luglio alle 20 al Teatro Sperimentale, si terrà il consueto Concerto finale, nel corso del quale gli allievi, accompagnati al pianoforte da Rubén Sánchez-Vieco, canteranno pagine dal repertorio operistico rossiniano.

I giovani talenti dell’Accademia Rossiniana saranno inoltre protagonisti de Il viaggio a Reims, che andrà in scena al Teatro Rossini il 14 e il 16 agosto, nell’ambito del Festival Giovane della XXXVIII edizione del Rossini Opera Festival.