L’arpa di Paola Perrucci a Rossinimania
18 agosto 2015

Giovedì 20 agosto alle 11 all’Auditorium Pedrotti il Rof propone un nuovo appuntamento con Rossinimania, percorso che esplora la vera e propria febbre maniacale per il compositore pesarese che agitò il mondo culturale europeo dell’Ottocento.

Paola Perrucci terrà un concerto di musiche originali e trascrizioni d'epoca di brani rossiniani per arpa sola eseguiti su arpa Erard ed arpa moderna.

Saranno eseguiti brani di C.N.B. Bochsa (Rondeau sur le trio du Barbier), D. Anzaghi (Rossinana seconda, Barber's strange memory), T. Labarre (Dalla Fantasia e Variazioni op. 25 sulla Marcia dei Greci: Adagio e Les Soirées Musicales de Rossini), G. Cappelli (Alba), A. Guarnieri (Senti il crepitio di acque fragorose).

Nata a Napoli, Paola Perrucci, si è diplomata giovanissima con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio Rossini di Pesaro, seguendo le orme del padre Mario, compositore e didatta. Ha conseguito a Roma il perfezionamento presso l’Accademia di S. Cecilia. Si è diplomata in Musica corale e Direzione di coro sotto la guida di Tito Gotti e ha studiato Analisi e Composizione con Cesare Grandi. Ha vinto il Concorso per prima arpa dell’Orchestra Giovanile Italiana e il Concorso internazionale di Musica Contemporanea di Udine.

È stata ospite come solista in rassegne quali Ravenna Festival, Milano Musica, Feste Musicali del Teatro Comunale di Bologna, oltre ad esibirsi al Teatro dell’Opera di Roma, Teatro delle Muse di Ancona e per la Fondazione

Cini di Venezia. Ha partecipato come solista nella rassegna Grandi Interpreti del

Teatro Comunale di Bologna per un lavoro in prima esecuzione assoluta di Cesare Grandi insieme all’attrice Stefania Rocca. Insegna presso il Conservatorio di Bologna.