Arrivederci al 2014
23 agosto 2013

La XXXIV edizione del Rossini Opera Festival si chiude con numeri record: il botteghino ha registrato circa 17.000 presenze (migliore dato della storia della manifestazione), per un incasso di circa 1.123.000 euro (+11% rispetto al 2012, secondo dato di sempre per il Rof). La percentuale di stranieri ha raggiunto il 68%, confermando la capacità del Festival di attrarre un pubblico proveniente da tutti i continenti: si mantengono ai primi posti Francia, Germania, Giappone e Inghilterra, mentre continua la forte crescita delle presenze dalla Russia: +10% rispetto al 2012. Ottimi risultati anche da Austria, Svizzera, Belgio, Spagna e Stati Uniti. Oltre all'Italia, sono 37 le nazioni rappresentate: a parte quelle già citate, sono venuti a Pesaro spettatori da Argentina, Australia, Canada, Corea del Sud, Croazia, Danimarca, Finlandia, Grecia, Hong Kong, India, Irlanda, Israele, Libano, Lussemburgo, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Scozia, Slovacchia, Sud Africa, Svezia, Thailandia, Ucraina.
Anche gran parte dei giornalisti vengono dall'estero: vi sono inviati di testate (italiane a parte) da 27 paesi del mondo: Argentina, Austria, Belgio, Città  del Vaticano, Corea del Sud, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Inghilterra, Israele, Kuwait, Lussemburgo, Messico, Olanda, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ucraina e Ungheria.
Secondo un'analisi dell'agenzia Press Index, la copertura stampa 2013 per le sole testate italiane ha raggiunto il valore di quasi 8 milioni di euro in equivalente pubblicitario.
La tv pubblica culturale francese France 5 ha inviato una troupe in città per tre giorni per la realizzazione di un documentario di un'ora su Gioachino Rossini, che verrà  trasmesso entro l'anno in prima serata nell'ambito di un ciclo dedicato ai grandi compositori. Sono state registrate numerose interviste e immagini degli spettacoli del Rof ed dei luoghi della città  più significativi nella vita di Rossini. Inoltre, una troupe della trasmissione di Rai 3 Prima della prima ha girato per tre giorni a Pesaro interviste e immagini delle prove per la realizzazione di una puntata interamente dedicata al Guillaume Tell.
La scrittrice Elke Heidenreich ha realizzato per Brigitte, uno dei magazine femminili più importanti e popolari della Germania, un ampio servizio sul Festival e sulla città che sarà pubblicato nella prossima primavera.
Anche quest'anno Rai Radio3 ha trasmesso in diretta su Euroradio in 12 nazioni il cartellone operistico della manifestazione nel quadro di RadioTre Suite: Australia, Austria, Canada, Danimarca, Irlanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia e Svizzera. Le tre opere sono state inoltre ascoltate in tutto il mondo in diretta online sul sito di Rai Radio3.
Presenti a Pesaro, accanto ai grandi nomi della critica internazionale, i rappresentanti di alcuni tra i più importanti teatri e istituzioni musicali: Metropolitan Opera di New York, Royal Opera House di Londra, Bayerischer Staatsoper di Monaco, Opéra di Montecarlo, Scottish Opera di Edimburgo, Sibelius Foundation di Helsinki, Staatstheater di Wiesbaden, Centro Nacional de Difusiòn Musical di Madrid.
Il Rossini Opera Festival del 2014 proporrà due nuove produzioni: Aureliano in Palmira, in prima assoluta in edizione critica, affidata all'estro di Mario Martone; Armida, cui Luca Ronconi darà nuova vita dopo averla già messa in scena a Pesaro nel lontano 1993.